la nostra storia
l'Archeo Agonistica

Per citazione diretta di Polibio e Aristofane, come può un onesto doctor umbraticus, lo studioso che mai ha impugnato armi e conosciuto l'esperienza interiore del combattente, parlare del legionario, del gladiatore o del pancraziasta? Tutt'al più egli può riferire come cronista, le vicende di altri!

E come può un moderno fighter da Ring, che non conosce le fonti, non le caratteristiche degli armamenti, le regole d'ingaggio e lo scopo del combattere antico, interpretare esattamente quel modo di essere e di fare? Tutt'al più potrà "simulare" un gladiatore con funambolismi da stuntman (che un antico non comprenderebbe). Oppure farebbe il Pancrazio usando tecniche degli sport moderni che mai però... si vedranno nei reperti originali!

Da qui parte la nostra epopea. Nel lontano 1994 una persona appassionata di storia comprese che non si poteva improvvisare il Pancrazio, ma questo doveva funzionare per tutti a livello agonistico, per vincere, risultando tuttavia identico alle migliaia di fonti. Non bastava avere l'equipaggiamento perfetto di un gladiatore per essere tale, ma bisognava capire perchè quell'armamento s'era sviluppato a quel modo e come usarlo in relazione all'avversario. Ergo, conoscere il senso ultimo di quel modo di combattere... Insomma, per diventare esperti di Agonistica Antica significa essere anzitutto agonisti moderni e trasporre il tutto sui vincoli insuperabili dati dall'antichità.

Da un singolo a un gruppo... sempre più grande. Nei decenni Ars Dimicandi è diventata interprete di un processo di ricostruzione che è ancora oggi "scuola" nel mondo. Da noi i laureati e i professori sono anche gladiatori! E i gladiatori hanno competenze storiche così approfondite da sostenere qualunque lezione al liceo o all'università.

Lezioni al Liceo, su ring e in anfiteatro